io autentico

Ecco chi siamo

Una cricca di famiglie, qualche amico e tanta buona volontà. Ecco chi siamo!13217012_233210753719618_5973374910505164724_o

Siamo nati nel 2016 dall’iniziativa di un gruppo di genitori di bambini ed adolescenti con Disturbi dello Spettro dell’Autismo.

Forse un pò maldestramente, così come abbiamo affrontato l’impatto con la diagnosi, dopo un non troppo lungo periodo di incubazione, abbiamo fatto nascere io autentico, Associazione di Famiglie ed Amici di Persone con Disturbi dello Spetto dell’Autismo.

io autentico è un’Associazione di Volontariato ai sensi della Legge 266/91, con sede a Vibo Valentia.


Un’anguria che ride. Perché?

Pubblicazione1È uno dei frutti più grandi. È anche il frutto che ha una delle bucce più dure. Quasi un guscio, che molti associano a quell’isolamento che spesso identifica le Persone con Autismo.

È anche il frutto di cui non si butta quasi nulla, a parte il guscio e i semi. È il frutto più ricco che c’è. Va scoperto.

L’anguria che ride ci è piaciuta proprio per questo. Soprattutto per il sorriso.

Il sorriso è la più elementare e semplice forma di comunicazione. Per questo è autentico. Sempre.

Un sorriso non è mai da solo. Un sorriso è sempre almeno due sorrisi. Perché per sorridere bisogna guardarsi negli occhi. Sempre.

Sorriso è sintonia, è sintonizzazione… sulla frequenza della comunicazione, dell’interazione.

Le Persone con Autismo sorridono. Molte di loro non parlano, non lo faranno mai. Altre parlano ma la loro comunicazione non è adeguata e funzionale a tutte le situazioni sociali.

Il sorriso, per le Persone con Autismo è un piacevole, utile e funzionale canale di comunicazione per sviluppare abilità di relazione e socializzazione, oltre che adeguate competenze cognitive.

Ecco perché l’anguria che ride!


Perché io? E perché autentico?

L’IO è la singola persona non in quanto persona, ma in quanto cosciente di se stessa come quella singola persona che dice “io” di se stessa. Io posso dire “io” solo della mia persona non dell’altra. A questa dirò “tu” o di questa dirò “egli” o “ella”.

Già da piccolo, ogni soggetto si rende conto di possedere un corpo, di vivere, di sentire, di pensare, di ricordare, di parlare, di volere, di desiderare, di avere sentimenti, di compiere atti, insomma comincia a rendersi conto di essere un soggetto corporeo dotato di intelletto e volontà, quello che Aristotele chiamò “animale ragionevole”, quindi di essere una persona umana come altre delle quali ha esperienza o con le quali convive.

AUTENTICO è ciò che risponde a verità, ciò che non è falso, ciò che non è imitato, ciò che è, soprattutto, originale. L’Autismo di ognuno dei nostri figli è autentico. Perchè è unico, come loro. Autentico è tutto ciò che, intorno a loro, gira, ruota, “funziona”, primi fra tutti i loro genitori. Autentico è il sorriso con cui comunicano gli Autistici non vocali. Autentico è il sorriso dei loro genitori quando partecipano al loro sorriso. Autentico è il loro lavoro, insieme a Professionisti, Terapisti, Insegnanti ed Amici, quando, insieme, seguono un chiaro e condiviso programma educativo.

20024031_717351941785227_4445511352607030726_o

 

Relazione Attività e Consuntivo 2016

Relazione Attività e Consuntivo 2017

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: